RSS

I social network ci isolano? Una ricerca assolve Facebook

18 Giu

Uno studio americano smonta il mito della rete come luogo di amicizie superficiali e virtuali: i navigatori sono più socievoli e fiduciosi nel prossimo. E sempre più in grado di convincere l’opinione pubblica

di FLAVIO BINI da La Repubblica

“Staccati da lì, esci. Incontra persone vere”. E’ il tormentone di milioni di genitori in tutto il mondo, preoccupati nel vedere i figli incollati per ore davanti a uno schermo. Ora uno studio del Pew Research Center sembra smentire uno dei pregiudizi più antichi della – breve – storia dei social network. Quello secondo cui Facebook scoraggerebbe a creare relazioni autentiche e amicizie “vere”. Al contrario, il profilo tracciato dagli utenti osservati dallo studio mostra in media individui più socevoli e aperti nei confronti degli altri. “Sono state dette tante cose scorrette sull’impatto dei social network sulla vita delle persone, sostenendo spesso che siti di questo tipo spingerebbero le persone a chiudersi in se stesse”, commenta Keith Hampton, autore dello studio. “Noi abbiamo rilevato l’esatto opposto. E cioè che chi usa Facebook è maggiormente orientato ad avere amicizie forti e ad interessarsi alla vita pubblica”.

I dati. Dalla ricerca, che ha visto coinvolte lo scorso autunno 2255 persone, è emerso quindi qualcosa di diverso. Altro che giovani incapaci di relazionarsi con il mondo esterno, i dati dicono che i social userssarebbero ad esempio il 43% più propensi a fidarsi delle altre persone rispetto a chi non frequenta i social media e quasi tre volte tanto rispetto a chi non utilizza internet. Sgomberato il campo anche dal mito per cui il web sarebbe un luogo privo di veri punti di riferimento. Secondo i ricercatori infatti, da Facebook gliutenti riceverebbero un sostegno “emotivo” pari alla metà di quello normalmente ricevuto dal proprio marito o dalla propria compagna. Infondata anche la paura di una moltiplicazione di amicizie fittizie. Secondo i dati raccolti soltanto il 7% degli amici sarebbe rappresentato da persone mai realmente incontrate.

La politica.
E mentre anche nel nostro paese si riflette sull’influenza di Facebook nell’ultima tornata referendaria, dallo studio, condotto negli Stati Uniti nel novembre 2010 durante le elezioni di midterm, arriva una conferma importante. I social network sarebbero diventati a tutti gli effetti un luogo sempre meno virtuale di mobilitazione politica. Dati alla mano i suoi frequentatori sarebbero in media più coinvolti e interessati ai temi pubblici rispetto a chi non frequenta la rete, recandosi maggiormente alle urne ed essendo più propensi a influenzare il voto altrui. Significativo anche il dato dell’adesione al volontariato e ad altre associazioni, cresciuto negli ultimi due anni dal 16 al 28% e in maniera più significativa tra gli utenti internet.
(17 giugno 2011)

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su giugno 18, 2011 in Generale

 

Tag: , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...